\\ Home page : Articolo : Stampa
INIZIATIVE PER SALVAGUARDARE I LAVORATORI DELLA FORMAZIONE
di Redazione (pubblicato il 24/12/2015 alle  17:38:06, nella sezione CRONACA,  570 letture)

corso di formazioneA seguito di numerosi incontri tenuti con gli enti di formazione, di piccole, medie e grosse dimensioni e con le organizzazioni sindacali, tendenti a garantire il miglior equilibrio possibile tra le esigenze di tutela dei lavoratori e dell’occupazione e le esigenze di sostenibilità economica degli enti, l’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale, Bruno Marziano, ha deciso di procedere ad una definitiva modifica dell’avviso 3 con la previsione di un monte ore per lavoratore di 300 ore, il che darà la possibilità a 4 mila lavoratori di essere assunti. «Ritengo – ha dichiarato l’assessore Marziano - che questa decisione possa trovare il consenso pieno di tutti gli enti che pertanto non devono, se sono rispettosi delle decisioni assunte, procedere a licenziamenti e il consenso dei lavoratori che vedranno, dopo anni di difficoltà e di crisi del sistema, riaperta la possibilità di riassunzione. Mi auguro, quindi, che proprio in virtù di questa decisione, frutto del massimo di concertazione possibile, si possa determinare quel clima di fiducia reciproca fra enti ed amministrazione e quel clima di fiducia nel futuro da parte dei lavoratori”. Inoltre sarà consentito un ulteriore slittamento di una settimana per l’avviso 4. Dal punto di vista formale e per ragioni legate alle modalità di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale queste decisioni avverranno in due diverse date ma fanno parte di una scelta unica assunta dall’assessorato. In questo modo Marziano ritiene di aver determinato le condizioni per il migliore avvio dei due avvisi 3 e 4 con i quali dovranno trovare ricollocazione più di 4 mila lavoratori. Nel frattempo con il collega dell’assessorato al Lavoro è impegnato ad individuare soluzioni per cercare di garantire anche le altre fasce di lavoratori: licenziati, in procinto di essere licenziati, licenziati da enti dismessi ed altri.