\\ Home page : Articolo : Stampa
INATTIVO A SIRACUSA IL CANTIERE DELLA SCUOLA DI VIA CALATABIANO. LA DENUNCIA DI PILLITTERI.
di Redazione (pubblicato il 08/07/2015 alle  10:58:11, nella sezione CRONACA,  631 letture)

sergio pillitteriIl segretario del circolo del Partito Democratico Tiche Epipoli, Sergio Pillitteri (nella foto), denuncia una delicata situazione verificatasi in via Calatabiano, dove i lavori per la ricostruzione del plesso scolastico ivi ubicato segnano il passo senza che sia pervenuta una qualunque giustificazione da parte dell’amministrazione comunale riguardo a questa incresciosa inattività. Scrive Sergio Pillitteri nella sua nota: “Cosa sta facendo questa amministrazione in via Calatabiano, tutto è fermo, tutto tace. Parliamo della ricostruzione della scuola nella quale il cantiere è inattivo, non c'è nessuno. Ho avuto modo di verificare che nell'area del cantiere per la ricostruzione della nuova scuola di via Calatabiano, non vi è alcun operaio in attività, anzi l'area è in questo stato da mesi. Mi sono pervenute tante lamentele dai residenti di via Calatabiano, nel quartiere Tiche, lo spazio è stato invaso da cumuli di materiale edile scaricato e questo crea disagi per le abitazioni limitrofe. Sembra un cantiere abbandonato e questo stato di collasso, sia per i residenti della zona che per lo stop effettivo dei lavori non può permanere per altri mesi. I cittadini vogliono sapere che succede. Perché è tutto fermo? L'edificio è ancora lontano dal completamento, questa condizione è assolutamente da evitare, bisogna che i lavori riprendano e gli operai espletino giornalmente la loro attività, al fine di completare e rendere fruibile al più presto l'intera area, che ricordo è circondata da abitazioni e prospiciente all'ingresso del mercatino rionale giornaliero”.

Ricordiamo che si era nel marzo del 2013 quando il Comune di Siracusa, rappresentato dal Segretario Generale, dott. Giovanni Tracia, e dall’Ingegnere Capo, Ing. Andrea Figura, stipulò il contratto con la ditta “Scaes Srl” per la ricostruzione dell’edificio scolastico di via Calatabiano, opportunamente smantellato qualche anno prima per la presenza di amianto.