\\ Home page : Articolo : Stampa
COMPITI SI, COMPITI NO. IL DILEMMA CHE I GENITORI DEVONO AFFRONTARE DURANTE LE VACANZE ESTIVE
di Graziella Fortuna (pubblicato il 30/06/2015 alle  10:57:29, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  999 letture)

fotoCome ogni estate, ecco ritorna impellente ed indifferibile il cavilloso dilemma se far svolgere i compiti per le vacanze o lasciare i propri figli liberi di esprimere il loro “dolce far niente”. Al riguardo sono tanti i dubbi e la moderna pedagogia insiste sul fatto che obbligare i bambini a rimanere seduti ed eseguire anche un esercizio didattico o dei calcoli matematici, non accresce l’intelligenza, né aumenterà il grado di cultura. Cosa fare allora? Fin da piccoli è bene orientare il proprio figlio a fare della lettura il proprio passatempo preferito. Come? Non ci sono ricette miracolose, ma il metodo più efficace è quello del contagio. Vedere i genitori leggere offre al figlio stimoli e modelli fondamentali per avvicinarsi al piacere della lettura. Un libro può essere sfogliato, annusato, toccato e infine scelto. Un libro è magia e fa sognare. Una lettura, continua e costante, fa aumentare i propri punti di vista, libera la mente da vincoli e pregiudizi, sviluppa il pensiero critico, accresce l’immaginazione e la fantasia, arricchisce di un lessico vario e articolato, mantiene l’attenzione e la concentrazione, stimola la memoria, amplia le proprie conoscenze, migliora certamente il rispetto delle altrui idee e il rispetto delle persone. Lasciamo allora il fanciullo libero di dare sfogo alla propria espressione per ricordare che, un bambino che gioca tanto durante il periodo fanciullesco, sarà un uomo sereno e felice…e, al contempo, l’impiego di un po’ di tempo dedicato alla lettura non implica costrizione, né imposizione, ma la pratica di una buona condotta educativa e sociale. Ogni libro che si legge ci aiuta a diventare persone migliori nell’aridità della vita di tutti i giorni e come diceva Cicerone “I libri sono l’alimento della giovinezza e la gioia della vecchiaia”.