\\ Home page : Articolo : Stampa
CONCLUSO IL PROGETTO "AMBIENTIAMOCI IN SICUREZZA"
di Redazione (pubblicato il 05/06/2015 alle  20:42:56, nella sezione CRONACA,  696 letture)

foto di gruppo cuoriSi è concluso ieri pomeriggio con un evento finale il progetto denominato "Ambientiamoci in Sicurezza" nell'ambito delle azioni formative atte contro il fenomeno della dispersione scolastica presso il XII Istituto Comprensivo di Belvedere in Piazza Eurialo. Il percorso formativo che è durato diversi mesi per un totale di 40 ore è stato redatto dalla tutor la Dott.ssa Giuliana Borgione, dal Presidente dell'Associazione Ambiente e Salute Onlus Dott. Giuseppe Laurettini e dalla Segretaria Dott.ssa Noemi Garofalo, supportati dai volontari e Istruttori dell'organizzazione: Giuseppe Di Benedetto, Simone Giuca, Mariella Italia, Ugo Alì, Simone Boscarino, Stefano Magnano. Il progetto scaturisce dalla volontà di impegnarsi nella formazione di coscienze sensibili alle problematiche ambientali, nonchè alla promozione della sicurezza all'interno del proprio territorio, affinchè già dalla scuola primaria, i bambini consolidano il senso di responsabilità individuale e collettiva verso un bene comune che deve essere gelosamente custodito.

Grazie al progetto sono stati coinvolti oltre trenta bambini di 2° e 3° classe della primaria, i quali attraverso laboratori creativi sono riusciti a ricreare la segnaletica stradale verticale e orizzontale e ad individuare i fattori di rischio e pericolo presenti nella strada. Inoltre grazie alla formazione da parte degli istruttori nazionali di Blsd della Salvamento Academy di Ambiente e Salute hanno imparato a prestare aiuto e soccorso ad una persona adulta o bambino colto da arresto cardiaco improvviso praticando le manovre salvavita di Blsd (basic life support and defibrillation) - massaggio cardiaco e uso del defibrillatore semi automatico esterno e in caso di soffocamento praticare la manovra di Heimlich.

Il pomeriggio è stato strutturato dapprima con la riproduzione di un percorso urbano "Sicursopoli" con simulazioni di traffico e scene di soccorso, simulando il tratto di strada che quotidianamente i bambini percorrono per raggiungere la propria scuola, invadendo come un fiume di rosso i giardinetti di piazza eurialo, presenti mini vigili urbani, mini soccorritori con ambulanza, segnaletica e semafori mobili, ciclisti e pedoni, sotto gli occhi di numerosi spettatori. Conclusosi il percorso i ragazzini ritornati sul palcoscenico hanno ringraziato tutti presenti esibendosi in un vero e proprio Flash Mob unico in tutto il territorio nazionale con Stayin Alive colonna sonora internazionale per sensibilizzare le manovre salvavita di Rcp (Rianimazione Cardio Polmonare), in cui un gruppetto di ragazzine danzando a ritmo di musica hanno incantato i presenti e altri sono riusciti a simulare il massaggio cardiaco sui cuori di gomma piuma realizzati appositamente per far capire a tutti l'importanza di essere formati a praticare le manovre salvavita per riattivare il cuore nel caso in cui dovesse smettere di battere. Il tutto sotto la supervisione della mini squadra di Protezione Civile dell'istituto formati in un altro progetto conclusosi lo scorso mese con la consegna degli attestati formativi ai 16 bambini di 4° e 5° classi della primaria che ha visto anche in questo caso i volontari di Ambiente e Salute coinvolti in collaborazione con l'ufficio comunale di protezione Civile di Siracusa.

"E' stata una bella soddisfazione essere riusciti a coinvolgere numerosi bimbi stupendi e con tanta voglia di rendersi utili aiutando chi ha bisogno del nostro soccorso" dichiara Giuseppe Laurettini. "Desideriamo ringraziare tutti coloro che si sono prodigati per la buona riuscita dell'evento, in primis tutti i bimbi, la Preside la Dott.ssa Stefania Gallo molto sensibile alle tematiche della sicurezza e dispersione scolastica, la quale ha sottolineato l'importanza di educare i più piccoli alla cultura della prevenzione e sicurezza visto che loro rappresentano il futuro della nostra comunità, la maestra Dott.ssa Concetta Pastore, i collaboratori scolastici e tutti i genitori che hanno creduto in noi".