\\ Home page : Articolo : Stampa
ANCORA UN’ASSEMBLEA DI LOTTA PER L’OSPEDALE MUSCATELLO
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 06/08/2011 alle  08:59:27, nella sezione CRONACA,  1112 letture)

Una nuova assemblea del comitato per l’Ospedale di Augusta aperta a tutti i cittadini si è tenuta nei locali di rappresentanza del “Muscatello” qualche giorno fa. Un folto gruppo di augustani visibilmente arrabbiati e incerti sull’esito finale di una battaglia cominciata da mesi, che ha visto il suo momento clou nello sciopero generale e nel blocco della città lo scorso 30 maggio, momento di grande partecipazione di popolo ma anche foriero di contestazioni e polemiche sul suo svolgimento. Per il comitato erano presenti Giovanni Canigiula e Riccardo Fazio; presente anche il sindaco di Melilli Pippo Sorbello, qualche consigliere comunale, il consigliere provinciale Maurizio Ranno e l’assessore Nicki Paci. Assenti il sindaco Carrubba o esponenti della sua giunta. Nicki Paci ha ribadito come a suo parere sia chiara l’intenzione dell’assessore regionale e del manager dell’ASP di chiudere l’ospedale, basta saper cogliere i segnali, come certe disfunzioni, una per tutte la recente carenza di impianto di condizionamento, perché è facile anche concedere proroghe o emanare decreti in deroga ma alla fine se l’intenzione è quella di chiudere basta fare in modo che la struttura non sia più competitiva perchè venga abbandonata dall’utenza che si rivolgerà altrove. A quel punto ciò che non si può fare subito (la chiusura) per non turbare la pace sociale si farà tra qualche tempo con dati alla mano che certifichino l’inefficienza e l’inutilità dei reparti. Certo i cittadini sono esasperati e pronti a ulteriori prove di forza come il blocco delle attività produttive (porto e industrie) e si è sentito più volte durante l’assemblea il grido “guerra, guerra”. Se poi questa bellicosità dei pochi saprà trasmettersi alle masse questo è tutto da vedere. Certo, l’impressione è che i giochi siano già fatti e, mentre ancora si parla di un tavolo di concertazione tra i sindaci dei comuni interessati territorialmente, l’assessorato regionale annuncia per ottobre la definitiva inaugurazione della megastruttura ospedaliera di Lentini, alla luce della quale il Muscatello appare sempre più abbandonato e vetusto. Presenti anche Aviello coordinatore del PID e Mariella Miceli consigliere comunale dell’API, ma l’intervento più interessante l’ha fatto una ragazza, Serena Tringali, che ha rilevato come “assessori, vicesindaco, consiglieri, politici a cui piace "sfilare" siano quasi completamente assenti alle assemblee e ai "tavoli di concertazione", ovviamente che senso ha presenziare se non si è in piazza e non ci sono i giornalisti che possono mettere la loro foto sul Giornale di Sicilia?! Privare un ospedale di reparti "trainanti" e così importanti significa decretarne piano piano la chiusura”.