\\ Home page : Articolo : Stampa
MARCO MISSIROLI OSPITE DELLA LIBRERIA GAB̉
di Redazione (pubblicato il 02/05/2015 alle  11:50:20, nella sezione LIBRI,  615 letture)

MISSIROLIDomenica 3 maggio alle ore 11:00 alla Libreria Gabò di Corso Matteotti 38 sarà ospite lo scrittore Marco Missiroli per presentare il suo ultimo romanzo Atti osceni in luogo privato, Feltrinelli Editore, vincitore del Premio Mondello 2015. Ne parleranno con l'autore Loredana Faraci e Pina Dapice.

Marco Missiroli è nato a Rimini nel 1981. Con il suo romanzo d’esordio, Senza coda (Fanucci, 2005), ha vinto nel 2006 il premio Campiello Opera prima. Per Guanda ha pubblicato Il buio addosso (2007), Bianco (2009; premio Comisso e premio Tondelli) e Il senso dell’elefante (2012; premio Selezione Campiello 2012, premio Vigevano e premio Bergamo). È tradotto in Europa e negli Stati Uniti. Scrive per il “Corriere della Sera”.

Atti oscceni in luogo privato racconta una storia che comincia una sera a cena, quando Libero Marsell, dodicenne, intuisce come si può imparare ad amare. La famiglia si è da poco trasferita a Parigi. La madre ha iniziato a tradire il padre. Questa è la storia, raccontata in prima persona, di quel dodicenne che da allora si affaccia nel mondo guidato dalla luce cristallina del suo nome. Si muove come una sonda dentro la separazione dei genitori, dentro il grande teatro dell’immaginazione onanistica, dentro il misterioso mondo degli adulti. Da Parigi a Milano, dallo Straniero di Camus al Deserto dei Tartari di Buzzati, dai Deux Magots, caffè esistenzialista, all’osteria di Giorgio sui Navigli, da Lunette alle “trentun tacche” delle nuove avventure che lo conducono, come un destino di libertà, al sentimento per Anna. Libero Marsell, le Grand Liberò, LiberoSpirito, è un personaggio “totale” che cresce con noi, pagina dopo pagina, leggero come la giovinezza nei film di Truffaut, sensibile come sono sensibili i poeti, guidato dai suoi maestri di vita a scoprire l’oscenità che lo libera dalla dipendenza di ogni frase fatta, di ogni atto dovuto, in nome dello stupore di esistere.