\\ Home page : Articolo : Stampa
IL 18 FEBBRAIO "TUTTO QUELL'AMORE DISPERSO" ALLA LIBRERIA MONDADORI DI CATANIA
di Redazione (pubblicato il 13/02/2015 alle  19:54:28, nella sezione LIBRI,  628 letture)

LOCANDINAMercoledi 18 febbraio alle ore 18,30, lo scrittore siracusano Luca Raimondi presenterà il suo ultimo romanzo, “Tutto quell’amore disperso” (Edizioni Il Foglio) a Catania, presso la libreria Mondadori (ex cinema Diana), in via Umberto 13. Alla conversazione prenderanno parte l’avvocato-scrittore Salvo Cavallaro, la cui ultima raccolta di racconti s’intitola “Date da mangiare ai pesci” (Carthago), e il regista, produttore e sceneggiatore Alessandro Marinaro. Quest’ultimo, dopo tanti cortometraggi, documentari e videoclip, ha recentemente scritto e prodotto il film “Mauro c’ha da fare” diretto da Alessandro Di Robilant e ha vinto il primo premio all'"Italian Contemporary Film Festival" di Toronto con il suo ultimo mediometraggio, “Buongiorno sig. Bellavista”. Nel 2013 un suo racconto ha vinto il premio "Racconti nelle rete" ed è stato incluso nell'omonima antologia pubblicata da Nottetempo. Se Cavallaro si soffermerà probabilmente sugli aspetti più letterari, la partecipazione di Marinaro permetterà di certo a Raimondi di rievocare le sue esperienze nell’ambito video-cinematografico, confluite in un paio di capitoli di quest’ultimo romanzo. Il suo alter-ego Carlo Piras infatti, mentre vive le sue traversie sentimentali sul finire degli anni ’90, incentrate per lo più nel rapporto sofferto ma formativo con l’introversa Sofia, si cimenta nella sceneggiatura di un cortometraggio che riflette in modo tragicomico la sua realtà quotidiana. A ribadire il carattere autobiografico della sua storia, va detto che Raimondi ha scritto diversi saggi sul cinema (va ricordato almeno “Nient’altro che un sogno”, dedicato a Pier Paolo Pasolini), ha curato la regia, la produzione e la sceneggiatura di diversi cortometraggi, scritto un film sulla ‘ndrangheta girato in Calabria dal regista Francesco De Fazio (“C’era una volta il sud”) e ha ideato e diretto per sei edizioni il “Corto Siracusano Film Fest”.