\\ Home page : Articolo : Stampa
SALVATORE BUA: IL RECUPERO DEL FIGURATIVO NELLA SINTESI DELLE EMOZIONI
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 22/01/2015 alle  16:22:30, nella sezione ARTE,  915 letture)

buaL’opera pittorica di Salvatore Bua, artista di Acireale appassionato anche di fotografia, è basata prevalentemente su un impressionismo che va alla ricerca dell’anima dei soggetti ritratti sulla tela. La sua rappresentazione è luminosa e proviene dalle profondità della psiche, la sua radice non è, come può sembrare al primo impatto, la pittura desueta dell’ottocento, ma è una ricerca assai più sapiente ed elaborata nel campo della sintesi, in cui il dato pittorico viene filtrato attraverso l’interpretazione dell’artista e viene trasmesso attraverso sapienti pennellate, caratterizzate da guizzi e tocchi fuggevoli e nervosi. I colori si affiancano, si sovrappongono, si amalgamano e si stendono diventando filamenti di anime che cercano ancora se stesse, ritratti che cercano nuove dimensioni visive e descrittive, che seguono nervosi percorsi dell’immaginazione e inquiete memorie di personaggi maschili e femminili incontrati nella vita e memorizzati, interiorizzati e infine riproposti col filtro della creatività artistica che li trasfigura, facendoli diventare icone rappresentative di una tipologia universale. opera di buaSalvatore Bua si è affacciato al mondo dell'arte avendo molto da dire e da esprimere mediante l'antica disciplina della pittura figurativa ad olio su tela. Questa sua qualità di ispirazione e di realizzazione è una caratteristica del suo impegno interiore, espressione di un'anima inquieta che cerca di veicolare il suo messaggio alla società che la circonda, non avendo ancora deciso se affidarsi al linguaggio certamente più popolare ma anche più limitato della figura umana, soprattutto femminile, raffigurata con sapiente tecnica e delicato vigore cromatico, e del paesaggio, pur se interpretato con assoluta originalità, oppure affidarsi al turbinio delle emozioni, meno comunicative nei confronti del grosso pubblico, ma tanto più in grado, se sfrondate dai limiti della costruzione figurativa, di concretizzare emozioni, pensieri e substrati onirici e psicologici.