\\ Home page : Articolo : Stampa
LE RIPRESE DEI LAVORI DEL CONSIGLIO COMUNALE IN RETE
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 23/09/2011 alle  13:24:13, nella sezione CRONACA,  993 letture)

Il circolo cittadino di Generazione Futuro “Marinetti” di Augusta, a seguito delle riprese audio-visive effettuate nella seduta di Consiglio Comunale del 13/14 settembre, invia un comunicato con alcune precisazioni sull’argomento: “Il nostro obiettivo era quello di rendere massima la trasparenza della seduta di Consiglio che trattava un argomento, a nostro giudizio, fondamentale per il futuro della nostra Città. Ci riteniamo ampiamente soddisfatti perché attraverso la nostra opera, per la prima volta in questa legislatura, i lavori dell’Aula Consiliare sono stati integralmente ripresi e trasmessi seppur in differita. Certo pensavamo obiettivamente che il lavoro necessario al caricamento sulla rete delle registrazioni non fosse così oneroso, ma queste difficoltà operative oggi ci rendono ancora più orgogliosi di quanto fatto, ci teniamo comunque a chiedere scusa a tutti coloro che con ansia in questi giorni hanno aspettato la pubblicazione del video. In merito alla vicenda della votazione teniamo solamente a sottolineare che la posizione di Generazione Futuro e di Futuro e Libertà è stata espressa chiaramente in aula dal Consigliere Di Mare; noi eravamo, siamo e saremo contro un modello di sviluppo nel nostro territorio che pensa a nuovi impianti a rischio di incidente rilevante che possano ridurre sempre più la qualità della vita nella nostra amata terra”. “Tutti sanno in Città – continua il comunicato di Generazione Futuro - che le riprese sono consentite liberamente dietro una formale richiesta alla Presidenza del Consiglio, siamo orgogliosi di essere stati i primi e gli unici (ad ora) che con interesse lo hanno fatto, agli altri lasciamo solo il piacere delle loro polemiche. In conclusione non possiamo dimenticare un ringraziamento a tutti coloro che si sono impegnati affinché questa battaglia di civiltà potesse essere raggiunta, gli amici di “studenti non indifferenti”, in particolare ringraziamo i ragazzi della Onlus Lamis, che, attraverso il loro ricorso, oggi consentono a tutti di poter riprendere le sedute di consiglio.”