\\ Home page : Articolo : Stampa
INCREMENTO DI POSTI LETTO NEGLI OSPEDALI DELLA PROVINCIA
di Redazione (pubblicato il 22/11/2014 alle  11:00:23, nella sezione CRONACA,  653 letture)

bmarziano«Esprimo soddisfazione per il nuovo patto della rete ospedaliera provinciale che scongiura la chiusura degli ospedali». A dichiararlo è stato il deputato regionale, Bruno Marziano, presidente della Terza commissione “Attività produttive” dell’Assemblea regionale siciliana. «L’azione concertata – ha dichiarato Marziano – tra il presidente della sesta commissione “Sanità” dell’Ars, Giuseppe Digiacomo, i componenti della commissione e i parlamentari delle province interessate alla ventilata chiusura degli ospedali, ha portato all’approvazione di una risoluzione che scongiura qualunque intervento di chiusura sino al 31 dicembre 2017. Non solo, l’accordo prevede, inoltre, che la decisione sui reparti e sulle strutture ospedaliere da riconvertire avvenga solo dopo un processo di valutazione della produttività dei vari reparti che sarà effettuato dopo una griglia di valutazione approvata, successivamente, dalla commissione». Riguardo all’ospedale di Noto, in sintonia con l’amministrazione comunale, si sta rimettendo in piedi il percorso di crescita e rafforzamento della presenza di posti letto per acuti da parte dei privati. E già giovedì prossimo è previsto un incontro all’assessorato regionale alla Sanità, con il sindaco e i soggetti interessati. «Per il resto della rete ospedaliera provinciale – ha proseguito il parlamentare regionale Bruno Marziano - avevo sollevato sin dall’inizio la presenza di criticità nell’ultima proposta, rispetto alla precedente, e assieme al deputato Marika Cirone Di Marco, è stato presentato un emendamento raccolto assieme ad altri dalla commissione e consegnato all’assessorato di competenza. In tale emendamento sono previsti il superamento di una serie di criticità contenute nel piano di rimodulazione della rete ospedaliera. Inoltre è stato avviato un percorso di attivazione dei posti letto di rianimazione e terapia intensiva. Si rilancia l’azione per completare e realizzare il percorso di ospedali riuniti Avola-Noto, che deve prevedere l’incremento dei posti letto per acuti da parte dei privati nel nosocomio netino».