\\ Home page : Articolo : Stampa
UNA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE TURBOLENTA E INUTILE
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 15/09/2011 alle  13:52:30, nella sezione CRONACA,  798 letture)

Salta per mancanza di numero legale il consiglio comunale di mercoledì scorso che avrebbe dovuto occuparsi di due importanti argomenti all’ordine del giorno: “Approvazione dello schema di convenzione sui principi e l’ammontare delle misure di compensazione e riequilibrio ambientale tra il Comune di Augusta e la Ionio Gas” il primo e “Costituzione Società Consortile per azioni, per la regolamentazione del Servizio di Gestione Rifiuti Ato n°8 di Siracusa" il secondo. La discussione si è invece focalizzata sullo sciopero cittadino programmato per il prossimo 27 settembre , presenti i rappresentanti del coordinamento pro Muscatello, e un folto gruppo di cittadini che riempivano la sala consiliare. Contestazioni da parte del consigliere Fabio Cannavà di FDS e di Giuseppe Di Mare del FLI che è anche uscito dall’aula assieme ad altri facendo venir meno il numero legale per la validità dell’assemblea consiliare. Precedentemente, sempre in ordine alla problematica del Muscatello, il sindaco Massimo Carrubba aveva ribadito che durante la Conferenza dei sindaci del 28 luglio scorso era emersa la volontà di trovare una soluzione nell’ambito delle risorse previste dall’articolo 6 della legge regionale di riforma della sanità. Oltre al rientro del reparto di Psichiatria, si profilava quindi la possibilità di istituire al Muscatello un reparto di oncologia di elevata qualità, con oltre dieci posti letto. Sarebbe inoltre in fase di studio da parte dell’Asp di Siracusa la richiesta fatta dal sindaco circa il mantenimento al “Muscatello” del reparto di Pediatria, che potrebbe contare su un presidio con alcuni posti letto finanziati esplicitamente con fondi aggiuntivi ex art. 6 legge 5/2009.