Scrivi alla redazione: redazione@dioramaonline.org

 
di Redazione (pubblicato il 22/11/2021 alle  18:26:28, nella sezione EVENTI,  339 letture)

Si svolgerà a Roma il 29 Novembre 2021, presso il Nuovo Cinema Aquila di Roma, la terza edizione del Bloody Festival Roma, ideale proseguo di quello che fu l’Italian Horror Fest di Nettuno. Un festival, quello di Nettuno, che vide come testimonial, fin dalla prima edizione, Dario Argento. Ultimamente impegnato nelle riprese di Occhiali neri, che segna il suo atteso ritorno sul grande schermo dopo molti anni di assenza, il maestro del noir sarà testimonial anche di questa edizione del Bloody Festival Roma, che avrà come madrina Manuela Arcuri. I lungometraggi in concorso sono suddivisi in tre diverse sezioni: Horror, Giallo e Thriller, ma vi sarà spazio anche per i cortometraggi, che verranno premiati con appositi sampietrini da una giuria di qualità costituita da professionisti della Settima arte, con direttrice artistica l’organizzatrice esecutiva di ZTV Production Sabina Pariante e presidente il direttore della fotografia e sceneggiatore Mark Melville. Eventi fuori concorso saranno Abisso nero, zombie movie di Gaetano Russo che ha anticipato il Coronavirus, il promo di Gotico padano, documentario di Roberto Leggio incentrato su La casa dalle finestre che ridono di Pupi Avati, e Doppia luce di Laszlo Barbo, al quale verrà consegnato un premio speciale. Novità di questa edizione è il Premio Roberto Pariante alla carriera, dedicato allo storico aiuto regista che fu anche autore dell’episodio Testimone oculare, facente parte della mini-serie televisiva argentina La porta sul buio. L'artista Stefano Natale si ha realizzato i premi per questo appuntamento con Bloody Festival Roma, che è pronto a dare piacevoli brividi di paura a tutti gli appassionati dell' horror e del mistero.
 
di Redazione (pubblicato il 29/10/2021 alle  16:07:29, nella sezione EVENTI,  357 letture)
Che cosa si potrebbe fare concretamente, in Italia e in Europa, per fermare (o almeno frenare) le sempre più frequenti e drammatiche intimidazioni e aggressioni ai giornalisti? E contro le intimidazioni e gli abusi, ancora più numerosi, commessi anche per via legale (le cosiddette querele pretestuose, diecimila ogni anno nella sola Italia)? Che cosa potrebbero fare la politica, il parlamento, il governo? E i giornali e i giornalisti, oltre a denunciare i fatti e a protestare vibratamente? In particolare, la magistratura come potrebbe mettere fine allo scandalo dell’impunità quasi assoluta di coloro che bloccano con violenza i giornalisti che diffondono notizie legittime e di interesse pubblico semplicemente perché a loro sgradite? A queste domande daranno risposta giornalisti, procuratori esperti di vari paesi che mercoledì 3 novembre prossimo alle ore 10:00 a Siracusa, presso la sede del Siracusa International Institute parteciperanno alla tavola rotonda sul tema “Come mettere fine all’impunità per i reati contro i giornalisti”. Il convegno è organizzato dall’associazione Ossigeno per l’Informazione insieme all’UNESCO. Il Quirinale ha concesso all’iniziativa la Medaglia del Presidente della Repubblica. Il settimanale L’Espresso è media partner dell’iniziativa. Il confronto si svolgerà a Siracusa, in via Logoteta 27, nell’aula magna del Siracusa International Institute for Criminal Justice and Human Rights, che ha collaborato alla realizzazione dell’iniziativa. Il dibattito sarà diffuso in diretta streaming, in italiano e in inglese sui canali social (pagina Facebook e canale YouTube) di Ossigeno per l’informazione. A tal proposito, tutte le indicazioni sono disponibili sul sito www.ossigeno.info. Aprirà la discussione un saluto del procuratore generale della Cassazione, Giovanni Salvi. Fra i relatori figurano: il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho, il sostituto procuratore di Roma Eugenio Albamonte, i giornalisti Michele Albanese (sotto scorta del 2014), Marilù Mastrogiovanni (sotto tutela della polizia), Alberto Spampinato (presidente di Ossigeno) e rappresentanti di Grecia, Olanda e Malta, paesi europei nei quali dal 2017 a oggi sono stati assassinati tre cronisti. Uno sguardo a più ampio raggio verrà da Saba Ashraf, esperta legale di Media Defence, l’organizzazione che da Londra fornisce assistenza legale specializzata e gratuita in numerosi paesi ai giornalisti in gravi difficoltà.
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 21/10/2021 alle  07:58:42, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  347 letture)

























Luogo di grande bellezza naturale la marina che costeggia il porto grande di Ortigia, dove tanti siracusani e tanti turisti vengono a godere dell'aria di mare e del mitico paesaggio. Sotto gli alberi, sopra una panchina, passa la notte all'addiaccio un barbone, un homeless, un senza fissa dimora, testimone anacronistico di povertà estrema e di emarginazione. Accanto a lui una lercia coperta e un bricco vuoto di vino scadente con cui ha cercato di riscaldarsi e di scordare nell'oblio dell'alcool la sua triste condizione di senzatetto. Di fronte a lui il mare, la banchina dove sono ormeggiati gli yacht, i catamarani, i velieri e i grossi motoscafi di facoltosi diportisti. Poco più in là, appena oltre i club nautici, stazionano vari pescherecci, stipati di reti e di cassette di legno, con cui onesti lavoratori del mare sbarcano il lunario con difficoltà, sacrificio e fatica, portando a riva lo scarso pescato. Sullo sfondo una enorme nave da crociera, un mostruoso natante a cinque piani, capace di ospitare quattromila e più crocieristi, gente che per pochi giorni l'anno riesce a illudersi di fare una vita da ricchi, popolando questi condomini galleggianti, che tanto assomigliano alle Vele di Scampia. Ecco uno spaccato della nostra società in poche centinaia di metri: sullo sfondo il mare, immutabile, eterno, unico e silente testimone delle sperequazioni e delle ingiustizie, immerso nella polvere del sole, in tutta la grandezza del creato, che ancora noi umani non siamo riusciti a distruggere.
 
di Redazione (pubblicato il 05/10/2021 alle  18:09:01, nella sezione LIBRI,  377 letture)
L'Ecopoesia è un nuovo genere letterario che trae ispirazione dall'attuale emergenza ambientale ed è nato nel 2005 quando venne varato dalla poetessa Maria Ivana Trevisani Bach il "Manifesto di Ecopoesia italiana". Tale movimento, poichè tale divenne subito questa tendenza letteraria a livello internazionale, prese le mosse dalla considerazione della odierna velocità e facilità della comunicazione, dai processi di globalizzazione che investono anche l'ambito culturale e dalla sempre più drammatica criticità ambientale del nostro pianeta. In questo contesto alcuni artisti italiani hanno sentito l'esigenza di esternare in un Manifesto le linee guida del loro modo di fare poesia nella considerazione dell'attuale sovrabbondante tempesta mediatica di notizie che ha creato un conflitto tra il pensiero razionale che cerca di comprendere gli avvenimenti e l’enorme quantità di emozioni che tali eventi suscitano, e nella suprema considerazione che nei giovani si registra una abulia nei confronti di ideali e di valori, il che li priva dell’entusiasmo necessario per affrontare i problemi del nostro tempo. La salvaguardia dell'ambiente si impone quindi come valore ineluttabile a causa dell'attuale, critica situazione del nostro pianeta. Caduta l’idea di una Natura intesa come risorsa inesauribile, entra anche in crisi la visione antropocentrica e verticistica dell’Uomo padrone senza limiti di tali risorse. Da questa consapevolezza nasce una nuova etica di rapporto: non più esclusivamente fra uomo e uomo, ma fra Uomo e Natura. Il ruolo dell'Ecopoesia in questo scenario assume un'importanza decisiva: infatti ogni genere di poesia sa creare emozioni, tocca corde segrete o dimenticate, stupisce con associazioni di suoni o di immagini, ci fa meditare con una metafora, coglie l’essenza nascosta delle cose o delle nostre esperienze. Sfruttando la potenza di queste suggestioni, l'Ecopoesia diventa comunicatrice di emozioni e, attraverso di esse, risveglia le coscienze predisponendole all’ascolto dei problemi dei nostri giorni. Così, sempre secondo il Manifesto del 2005, l'Ecopoetry contribuisce alla salvaguardia del nostro pianeta e a creare un nuovo rapporto con tutti gli esseri viventi. Questo bisogno di poesia nuova è stato colto in diverse parti del mondo. Sono nati così nuovi movimenti poetici che associano la Poesia alle attuali istanze etiche come Art and Peace, Eco Art, e, appunto, l'Ecopoetry. L'ecopoeta però non è l'aedo che canta la Natura, ma è colui che parla per la Natura, dà voce alla Natura, testimonia i diritti di quei viventi che non hanno diritti. E' colui che si sente interconnesso con la creazione e ne riporta emozioni dal di dentro: l’animale torturato, l’albero sradicato, l’intera terra inquinata, parlano direttamente attraverso i suoi versi. In definitiva, l'ecopoeta parla per questa casa comune, unica ed irripetibile, che va salvaguardata nella sua peculiarità e nella sua bellezza. L’ecopoeta è, quindi, il tramite fra la comunità umana e il mondo naturale. Esiste una specificità nell'Ecopoesia: deve essere accessibile a tutti, deve essere aperta alle differenti realtà culturali del mondo e condividere e diffondere i valori del nostro tempo, liberandosi dall'isolamento delle chiuse culture letterarie erudite, dalle vecchie mode delle avanguardie e dalle tradizioni poetiche locali e utilizzando una comunicazione poetica semplice e chiara, comprensibile a tutte le culture, come richiesto dall’UNESCO nel messaggio della Giornata Mondiale della Poesia. A Siracusa gli ideali dell'Ecopoesia vengono portati avanti dal Collettivo Poetaretusei432 che fa capo ai poeti Salvatore Randazzo e Elisabetta Tagliamonte.
 
di Redazione (pubblicato il 29/09/2021 alle  19:17:04, nella sezione EVENTI,  424 letture)




Il 9 e 10 ottobre avrà luogo, presso il Centro Expo di Piazza del Popolo a Pedara, la terza manifestazione di Aetna Expo (Arte, Cultura, Sport, Spettacolo), organizzata dalla Presidente della Junior Art Academy Grazia Trovato con la collaborazione dell'Associazione A.C.S.D. Etna Tour, l'Ente di Promozione Sportiva Libertas e il Circolo Culturale Pennagramma. L'evento così come i precedenti, quello di Viagrande e di Nicolosi, è un crocevia di artisti, fotografi, scrittori, personalità del mondo dello spettacolo e amanti della cultura. Saranno assegnati premi alla carriera a personalità che si sono distinte in attività culturali e sportive. Per la letteratura a Mario Cunsolo, per la pittura al Maestro Salvo Caramagno, per la danza al Maestro Alosha, per lo sport a Biagio Sciacca, per il settore artista emergente alla giovane e promettente Claudia Coniglione. Il Maestro Salvo Caramagno è recensito dal critico d'arte siracusano Raimondo Raimondi che così si esprime sulla sua opera: " Premio alla carriera al maestro Salvo Caramagno che ha reinventato in chiave siciliana l'arte naif e, applicando questo stile pittorico, si è cimentato nell'arco della sua carriera artistica in perfezionismi manieristici affrontando i temi del paesaggio e del popolo isolano con invidiabile maestria. Questa sua ispirazione e attenta realizzazione è una caratteristica del suo impegno interiore, espressione di un'anima inquieta che cerca di veicolare il suo messaggio alla società che la circonda, deciso ad affidarsi a un linguaggio popolare comprensibile a tutti e a esaltare la figura umana, raffigurata con vigore coloristico, interpretata con assoluta originalità, affidandosi al turbinio delle sue personali emozioni, ma comunicando col suo pubblico attraverso la tranquilla bellezza cromatica e compositiva delle opere". Sulla giovane artista Claudia Coniglione lo stesso critico Raimondo Raimondi dice: "Premio come artista emergente a Claudia Coniglione nelle cui opere si avverte l’amore per le cose mute, per quel senso del tempo che è trascorso, eppure è rivissuto nel presente in modo da essere reinventato, come la sua storia di donna, certamente attraversata dal tumulto dello spirito e da sussulti interiori riconducibili ad una sensibilità esasperata, ad un misticismo accorato, ad una consapevolezza della sua vocazione di artista. Qualche opera si iscrive al genere espressionista, tanto caro a George Grosz e a Edvard Munch, in altre invece prevale una tendenza all'informale astratto, quasi a ribadire ancora una volta la formazione artistica in itinere di questa giovane pittrice, grafica e illustratrice, che ha studiato i nuovi linguaggi della pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Catania". Partecipano alla mostra di pittura gli artisti Maria Carmela Benfatto Rosaria Caniglia Anna Cannata Mimma Consoli Sergio Licciardello Katia Poli Stefania Ruvolo Concetta Tigano Grazia Trovato e gli emergenti Concetta Bonanno Ludovico Calanna Claudia Coniglione Roberta Cutrona Alessandro Gambino Rachele Maccarone Dario Platania Nunzia Scardaci Caterina Sciacca Agatino Scierri Noemi Sorg.
 
di Redazione (pubblicato il 20/08/2021 alle  15:30:02, nella sezione EVENTI,  477 letture)
































Sabato 21 agosto, alle ore 19.00, la splendida cornice del parco comunale G. Anselmi di Nicolosi ospiterà la seconda tappa dell'iniziativa culturale Aetna Expo, organizzata dalla presidente della Junior Art Accademy Grazia Trovato. L'evento promette di essere, così come il primo che si è svolto a Viagrande a Villa Manganelli Biscari, un crocevia per artisti e amanti della cultura, infatti all'interno del parco comunale avrà luogo dalle ore 10.00 alle ore 17.00 un estemporanea di pittura, e dalle ore 10.00 alla ore 22.00 una rassegna d'arte contemporanea. Nel corso della serata, scandita dalla conduzione di Andrea Rinaldi, saranno assegnati premi alla carriera a personalità che si sono distinte in determinare attività culturali o sportive: per la narrativa allo scrittore del Circolo Letterario Pennagramma Antonio Sozzi, per la pittura al maestro Barbaro Messina, per l'editoria all'editore Alfio Grasso e a Vincenzo Cipolla per lo sport. Infine un premio come artista emergente andrà a Caterina Lucia Sciacca (nella foto con lo scrittore Raimondo Raimondi). A questo secondo appuntamento dell'Aetna Expo non poteva mancare il danzastorie di Sicilia Alosha, con una sua performance artistica, un momento letterario sarà la presentazione del libro "Ora vi cuntu na parità" della scrittrice Francesca Curcuruto. A collaborare alla buona riuscita dell'evento culturale l'associazione A.C.S.D - Etna Tour e il Circolo Letterario Pennagramma, in prima linea a dare supporto a Grazia Trovato e al suo team organizzativo.
 
di Redazione (pubblicato il 01/08/2021 alle  16:28:51, nella sezione ARTE,  295 letture)

























Tomás Saraceno, artista argentino di origine italiana che vive e lavora a Berlino, è considerato uno dei maggiori protagonisti della scena artistica contemporanea internazionale e uno dei più influenti attivisti per la salvaguardia del pianeta che sfida, attraverso le sue opere, i modi dominanti di vivere e percepire l’ambiente. Nella mostra "AnarcoAracnoAnacro" presenta un progetto multimediale creato appositamente per l’Area monumentale della Neapolis di Siracusa, dove l’artista opera per la prima volta, uno dei più importanti complessi archeologici del Mediterraneo con una superficie di circa 240.000 metri quadrati che comprende il Teatro greco, il cosiddetto Santuario di Apollo Temenite, l’Ara di Ierone II, l’Anfiteatro romano, le latomie del Paradiso, Intagliatella e Santa Venera, fino alla cosiddetta Tomba di Archimede. Dal 29 luglio 2021 al 30 gennaio 2022, i tradizionali percorsi archeologici della Neapolis saranno attraversati e intercettati dal percorso narrativo sperimentale di Saraceno. Composta da diversi capitoli, dislocati in numerosi punti distanti tra loro, la mostra costruisce un proprio mondo sensoriale e semiotico, evolvendo come una vera e propria forma di vita nel corso dei mesi. Archeologia, ecologia, aracnomanzia, arte e attivismo sociale dialogheranno, tessendo nuove poetiche visive. La mostra, a cura di Paolo Falcone, è prodotta e organizzata da Civita Sicilia. La ragnatela, l’aracnomanzia, l’evocazione e la reinterpretazione dei miti, così come il concetto di metamorfosi diventano concetti guida per ripensare e riscoprire l’intreccio di forme di vita e di linee temporali che animano l’Area, portando l’attenzione del pubblico a rivolgersi a coloro che l’hanno abitata per milioni di anni, come le 46 specie di ragni che sono state ritrovate all’interno. I visitatori saranno condotti in un tour dell’Area, con un percorso performativo realizzato in collaborazione con l’Accademia d’Arte del Dramma Antico.
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 17/07/2021 alle  10:20:03, nella sezione LIBRI,  280 letture)

Mercoledì 21 Luglio, alle ore 19:00, nella prestigiosa cornice di Villa Reimann a Siracusa, verrà presentato l'ultimo libro di poesie di Luca Campi dal titolo "Trenta giorni ha novembre", una silloge che gode della prefazione di Patrizia Stefanelli, scrittrice, regista teatrale e direttrice artistica del Premio Nazionale "Mimesis". Sarà, nelle intenzioni dell'autore, un momento di incontro lieve e consapevole, occasione di incontrare vecchi e nuovi amici. Versi liberi e moderni, quelli di Luca Campi, variabili nella metrica, ma assolutamente musicali e godibili non solo nella lettura, ma anche e soprattutto nell'ascolto dal vivo, dove il testo viene interpretato, aggiungendo la dimensione teatrale della dizione e della recitazione alla meraviglia del verso. Un poeta il nostro che comunica la sua "verità" quanto mai contemporanea in un turbinio di sensazioni. Lontano oramai da tempo da Siracusa per motivi di lavoro, continua il suo girovagare seguendo un percorso di vita e di pensiero che inevitabilmente si riversa nelle sue poesie ricche di ispirazioni e di diversi temi affrontati. Lo sguardo contemporaneo, il modo di sentire e di rappresentare le cose, non preclude all'autore di guardare al suo passato, che è anche il nostro, e di trarre da esso preziose lezioni riportando all'interno della propria opera citazioni, allusioni, rimandi e contaminazioni. Come un gioco questo poetare di Luca Campi, Peo per gli amici, appare filtrato dalla sua personalità curiosa ed energica, che sa cogliere il senso del mistero e anche la dimensione sacra della bellezza.
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 17/07/2021 alle  09:59:44, nella sezione ARTE,  293 letture)

Caterina Lucia Sciacca, fresca di brillanti risultati accademici, dimostra di essere un'artista dotata di buona conoscenza tecnica e ricca immaginazione, elementi questi necessari a qualsivoglia creazione pittorica. In più la giovane creativa ha anche ricevuto da madre natura una buona dose di fiducia in se stessa e nelle proprie capacità, corredo genetico questo ereditato dalla madre. la nota pittrice Grazia Trovato. Il suo mondo è onirico, spaziale, narrativo e affascinante, affonda nel mistero le sue radici e nella dimensione del femminile come animalità sublime. Questa del divino femminile è un aspetto della sua poetica che riappare in numerose tele con varie declinazioni, a volte echeggia atmosfere ed evidenti accenni al surrealismo e al simbolismo, altre volte la sua fervida immaginazione vola alto, come nel caso del dipinto "Mental influence" scelto per illustrare la copertina del libro di Raimondo Raimondi "Satanassi e belle signore", racconti del paranormale. D'altra parte chi crea un’opera d’arte è, in buona sostanza, un medium, poiché rende visibile ciò che è percepito a livello intimo ed inconscio, fa emergere emozioni e stati dell’animo reconditi e, per sovrappiù, li rende percepibili agli altri attraverso l’universalità dell’immagine e della parola o il codice convenzionale dei segni e dei colori. I pittori creano un dipinto attingendo a quella parte del mondo immaginifico congeniale alla levatura del loro pensiero, tanto più misterioso e difficile da decifrare quanto più profonda e complessa è la personalità dei soggetti. L'illustre genitrice, Grazia Trovato, ha da anni affrontato altre tematiche (e altre tecniche pittoriche): è regina incontrastata della pittura paesaggistica siciliana, bravissima e apprezzata ben oltre i confini della regione, valida docente di arti pittoriche nella sua “Junior Art Academy”, oggi in veste di organizzatrice e curatrice di una Rassegna d'arte contemporanea e del Premio “Aetna Expo” che accorpa come un unicum arte, cultura e spettacolo sotto l'ombrello eccezionale del vulcano più attivo e scoppiettante del mondo. Chi è nato e vive (come le nostre due artiste) da queste parti non può che aver ricevuto grandi energie e irrefrenabili spinte creative, elementi indispensabili per ogni realizzazione artistica di alto livello.
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 15/07/2021 alle  20:40:34, nella sezione EVENTI,  277 letture)

Dal 16 al 25 luglio ad Ortigia, presso Largo Aretusa, si terrà “Artieri Mercato Creativo” il primo Festival della Sicilia dedicato alle Arti e ai Mestieri, con la partecipazione di artigiani artisti provenienti da tutta Italia che esporranno le loro opere: artigiani, designer, illustratori, stilisti legati da un unico denominatore, l’artigianato Made in Italy. L’inaugurazione è fissata per venerdì 16 luglio alle ore 19.00. Saranno circa 50 gli artigiani provenienti che giungeranno nell’isola della magica Ortigia, cioè nella parte più antica della città di Siracusa: esposizioni di ceramica, pietra bianca, monili, prodotti tipici, sartoria, cucito creativo, riciclo creativo e tradizioni, come quelle degli antichi pupi siciliani e molto altro ancora. Direttrici artistiche Angela Cacciola e Maria Grazia Barbagallo, impegnate nella valorizzazione turistica del territorio anche attraverso un nuovo modello di sviluppo che ha per protagonisti proprio gli artigiani e gli artisti, eccellenze invidiate in tutto il mondo. Ortigia adesso e Marzamemi ad agosto accoglieranno questo creativi per uno scambio culturale ed artistico unico nel suo genere. Non solo artigianato ma molteplici eventi collaterali renderanno unico e inimitabile un evento che, giunto alla sua seconda edizione, sta diventando appuntamento imperdibile per gli artigiani e non solo. Quest’anno “Le vie del Talento”, in collaborazione con Serena Gilè e Agnese Milazzo, permetterà di scoprire gli artigiani artisti siracusani attraverso una “Mappa dei Talenti” che guiderà i visitatori alla scoperta di atelier, botteghe, concept store d'avanguardia, studi di grafica e di fotografia.
 
di Redazione (pubblicato il 15/07/2021 alle  11:18:35, nella sezione EVENTI,  642 letture)
Riprendono le attività artistiche e organizzative di Giuseppe Apa e della sua “Artenostop” dopo la lunga pausa obbligata dalle disposizioni restrittive per il covid, che hanno costretto tutti a rimandare ogni progetto associativo. Si riparte in una location all'aperto come Le Capannine, prestigioso stabilimento balneare sul mare della Plaja di Catania, il 22 luglio con inizio alle 19,30. La manifestazione di pittura, fotografia e moda, ricca di presenze e di momenti di spettacolo e di performance artistiche,sarà presentata da Ricky Calzona e vedrà in mostra le opere di valenti artisti in collettiva, con esibizioni di body painting a cura di Rita Cristaldi, uno shooting fotografico con tante modelle, tra cui ospite d'onore la bellissima Valentina Fiasco, perfetto connubio tra arte e bellezza. Ci sarà una sfilata che metterà in evidenza le collane artistiche di Cinzia D'Alessandro, uno spettacolo di burlesque a cura di Lola Fontise, una esibizione canora della soprano Marzia Catania e momenti culturali affidati allo scrittore e critico d'arte Raimondo Raimondi che presenterà il suo libro “Tempo sospeso”, poesie in tempo di covid.
 
di Redazione (pubblicato il 07/07/2021 alle  12:34:17, nella sezione ARTE,  440 letture)
Nell'ambito di Aetna Expo, rassegna d'arte contemporanea, cultura e spettacolo organizzata dalla pittrice Grazia Trovato, che verrà inaugurata sabato 17 luglio alle ore 19,00 presso la Villa Manganelli Biscari di Viagrande (Museo di Storia, via Garibaldi 303), saranno consegnati premi alla carriera a personalità del mondo dell'arte, della cultura e dello spettacolo: alla poetessa Francesca Curcuruto per la cultura, a Giuseppe Mangano per lo sport, ai Taverna Umberto 1° per la musica, a Raimondo Raimondi per la narrativa e la critica d'arte, a Gaetano Privitera per l'arte pittorica, e al giovane artista emergente Ludovico Calanna. Proprio di questi due ultimi artisti parla diffusamente il critico d'arte Raimondo Raimondi che così si esprime: "Gaetano Privitera nella parte più interessante della sua produzione, crea forme, soffocate da lacerazioni, che si evolvono in una sintesi lirica che amalgama la spontaneità della pennellata alla nervosa partecipazione emotiva. Dipinge come un fatto naturale, uno sfogo dell’anima che ha concede di esprimere al meglio se stesso. D’altronde l’arte è una poderosa forma di comunicazione che rende partecipe il fruitore dell’opera alle emozioni provate dall’artista, che (è il caso di Privitera) propone una pittura basata prevalentemente sul gesto e sul colore, elementi unificati dal collante delle sue personalissime sensazioni, una ricerca sapiente ed elaborata, in cui il dato pittorico viene filtrato attraverso l’interpretazione dell’artista. Insomma, in queste gradevoli e coloratissime tele egli rappresenta un mondo interiore magnificamente espresso e oggettivizzato, suscitando emozioni rare in chi in esse si imbatte e sa capirle e apprezzarle". Sul giovane Calanna il critico dice: "Ludovico Calanna nelle sue opere, frutto di tenacia nell'apprendere la difficile disciplina pittorica dalla sua maestra Grazia Trovato e di innate capacità artistiche, abbraccia iperrealismo, impressionismo e astrattismo senza alcuna difficoltà. Il suo mondo è onirico, spaziale, narrativo e affascinante, affonda nel mistero le sue radici e nella dimensione dell'animo umano. D'altra parte chi crea un’opera d’arte è, in buona sostanza, un medium, poiché rende visibile ciò che è percepito a livello intimo ed inconscio, fa emergere emozioni e stati dell’animo reconditi e, per sovrappiù, li rende percepibili agli altri attraverso l’universalità dell’immagine o il codice convenzionale dei segni e dei colori. La creazione artistica è perciò un evento misterioso, legato a possibilità percettive più estese rispetto al sentire comune e quotidiano. A volte queste possibilità percettive sono così vaste che nemmeno gli stessi autori ne hanno piena coscienza, bensì agiscono d’istinto, abbandonandosi ai sensi e alle emozioni. Così ci appare il giovane Ludovico, “artista emergente”, destinato a trovare presto una sua precisa collocazione nel panorama artistico contemporaneo". (nelle foto: in alto un'opera di Calanna, in basso un'opera di Privitera)
 
"Aetna Expo" è una rassegna d'arte contemporanea, con tanti momenti di spettacolo e presentazione di libri, una manifestazione d'arte, cultura e spettacolo organizzata dalla pittrice Grazia Trovato, docente presso la Junior Art Academy, e inserita nel circuito Etnaintour. La manifestazione verrà inaugurata sabato 17 luglio alle ore 19,00 presso la Villa Manganelli Biscari di Viagrande (Museo di Storia, via Garibaldi 303). Durante la serata verrà, tra l'altro, presentata una raccolta di "racconti del paranormale" dello scrittore siracusano Raimondo Raimondi dallo stravagante titolo "Satanassi e belle signore". Sono storie che raccontano al lettore la paura di essere aggrediti da forze che non possiamo dominare, la paura di far fronte alle sfide del reale e quella, speculare ed affine, di confrontarsi con un passato che non riusciamo spesso ad esorcizzare. Nei diciassette racconti che compongono la raccolta il fondale e l’ambientazione della storia evocano l’inatteso e innescano il meccanismo attraverso cui si prende atto che, dietro l’apparente tranquillità e normalità del mondo borghese, si celano il male e la mostruosità. Questi racconti provengono dalla grande tradizione europea della shortstory, l'arte del racconto, genere letterario di complessa strategia narrativa che l’autore padroneggia con raffinata e colta maestria. Sono racconti essenziali, nudi e inquietanti, che si sciolgono in uno stile sobrio fecondato da risonanze raffinate, che sa essere acre nel testimoniare la «maleficità» dell’essere umano. Raimondi (che sarà presente il 17 luglio assieme all'artista Caterina Lucia Sciacca, autrice della copertina del libro) vive a Siracusa. Giornalista pubblicista, si occupa di letteratura, di critica d'arte e di ricerca parapsicologica. Ha pubblicato numerosi libri di poesia, narrativa e saggistica. Tra le sue opere più recenti: "Un filo di luna" (Melino Nerella Editore, 2009), "L'undicesima" (Edizioni Il Foglio, 2014), il romanzo "La cattiveria del silenzio" (Edizioni Il Foglio, 2017) e le raccolte di poesie "Tempo di fughe" (A&A Edizioni, 2017), Rapsodia della Rinascita" (Edizioni Il Foglio, 2018), "Ritratti del Tempo e della Beltà" (Edizioni Fondazione M, 2019) e "Tempo sospeso" (Edizioni Il Foglio, 2020).
 
di Redazione (pubblicato il 19/05/2021 alle  13:52:39, nella sezione LIBRI,  301 letture)




















Arriva fresco di stampa in libreria e su tutte le piattaforme on line una raccolta di "racconti del paranormale" dello scrittore siracusano Raimondo Raimondi dallo stravagante titolo "Satanassi e belle signore". Sono storie che raccontano al lettore la paura di essere aggrediti da forze che non possiamo dominare, la paura di far fronte alle sfide del reale e quella, speculare ed affine, di confrontarsi con un passato che non riusciamo spesso ad esorcizzare. Nei diciassette racconti che compongono la raccolta il fondale e l’ambientazione della storia evocano l’inatteso e innescano il meccanismo attraverso cui si propagano l’orrifico e lo sgomento. Dietro l’apparente tranquillità e normalità del mondo borghese, si celano il male e la mostruosità. In alcuni racconti, le situazioni perturbanti sono ricondotte dall’autore a espressioni dell’orrifico di consolidata tradizione: Raimondi passa in rassegna i personaggi-tipo della letteratura del terrore – mostri, diavoli, licantropi, streghe, fantasmi, killer seriali, creature del male – trasformandoli in metafore, ossia in figure retoriche costruite sull’analogia tra ambiti semantici diversi. I suoi racconti provengono dalla grande tradizione europea della shortstory, l'arte del racconto, genere letterario di complessa strategia narrativa che l’autore padroneggia con raffinata e colta maestria. Sono racconti essenziali, nudi e inquietanti, che si sciolgono in uno stile sobrio fecondato da risonanze raffinate, che sa essere acre nel testimoniare la «maleficità» dell’essere umano. Nella sobrietà, nell’implicito, nell’allusivo, Raimondi si rivela peritissimo e accorto narratore. L’ironia che si coglie nei personaggi, il sapere raccontare attraverso dialoghi autentici e veri, la perfetta comprensione degli stati d’animo dei personaggi, il ritmo e la qualità della scrittura, la capacità di descrivere atmosfere, luoghi, dimensioni infere e catabasi verso la gorge dell’esistenza umana danno la cifra di un’arte narrativa matura che seduce il lettore trascinandolo, come una Bella Signora, dentro le sue pagine sulfuree e ammagatrici. L'autore vive a Siracusa. Giornalista pubblicista, si occupa di letteratura, di critica d'arte e di ricerca parapsicologica. Ha pubblicato numerosi libri di poesia, narrativa e saggistica. Tra le sue opere più recenti: "Un filo di luna" (Melino Nerella Editore, 2009), "L'undicesima" (Edizioni Il Foglio, 2014), il romanzo "La cattiveria del silenzio" (Edizioni Il Foglio, 2017) e le raccolte di poesie "Tempo di fughe" (A&A Edizioni, 2017), Rapsodia della Rinascita" (Edizioni Il Foglio, 2018), "Ritratti del Tempo e della Beltà" (Edizioni Fondazione M, 2019) e "Tempo sospeso" (Edizioni Il Foglio, 2020).
 
di Redazione (pubblicato il 17/04/2021 alle  20:37:38, nella sezione CRONACA,  294 letture)

























Il Siracusa International Institute in una nota pervenuta in redazione condanna fermamente il brutale assassinio di Giorgios Karaivaz, noto giornalista investigativo greco, ucciso lo scorso venerdì 9 aprile ad Atene mentre faceva rientro nella sua abitazione. Karaivaz è purtroppo l’ultimo di una lunga lista di professionisti dell’informazione a essere ucciso nel mondo. Si tratta di un fatto di assoluta gravità anche perché, sebbene debba ancora essere confermato dalle indagini, è presumibile che Karaivaz sia stato assassinato proprio per via delle sue inchieste giornalistiche. Come sottolineato da Jean-François Thony, presidente dell’Istituto, “Proteggere i giornalisti e assicurare alla giustizia coloro che con la violenza provano a mettere a tacere chi indaga su attività criminali costituiscono obiettivi irrinunciabili e prioritari per ogni democrazia avanzata”. Secondo le più recenti stime dell’UNESCO, difatti, addirittura il 90% dei casi relativi a omicidi di giornalisti è rimasto impunito negli ultimi 10 anni. Un dato spaventoso a cui vanno trovate urgentemente risposte efficaci. L’Istituto, la cui missione comprende anche la lotta al crimine organizzato, è molto sensibile al delicato tema della protezione dei giornalisti. Per tale ragione, ha contribuito fattivamente alla realizzazione delle recenti “Linee Guida per i Procuratori sui casi di crimini contro i giornalisti (il cui contenuto è liberamente consultabile sul sito web)”, sviluppate nel quadro di una partnership tra l’UNESCO e l’Associazione Internazionale dei Procuratori proprio al fine di rafforzare le capacità e le competenze di coloro che devono perseguire i responsabili dei crimini violenti contro i giornalisti. Specifiche attività di formazione su tale tema verranno organizzate presso la sede dell’Istituto nei prossimi mesi.
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 10/03/2021 alle  11:55:29, nella sezione EVENTI,  332 letture)
Venerdì 12 marzo alle 18,30, in diretta sulla pagina Facebook dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico, avrà luogo, per il ciclo di incontri "Antichi Pensieri", organizzato dalla Fondazione Inda, con registi, attori, studiosi, traduttori e intellettuali, un incontro con Sergio Grasso, food writer, autore teatrale e antropologo alimentare, noto al pubblico televisivo come “gastrosofo” per la ventennale attività di divulgatore della storia del cibo, della cucina e del gusto in programmi Rai e reti private. A dialogare con Grasso sul tema "Mitofagie fra Grecia e Sicilia" sarà il Sovrintendente della Fondazione Inda Antonio Calbi. Nelle narrazioni mitologiche, divinità, eroi, guerrieri immortali, fauni e sirene inventano cibi, si umanizzano cucinando e mangiando o si relazionano con un frutto, una pianta o un animale. Molte di queste antiche storie ed epopee hanno avuto come scenario la Sicilia - l’isola del desiderio per fenici, greci e romani - in cui ancora si parla con rispetto di ninfe tramutate in piante aromatiche, prodi che allestiscono banchetti e ciclopi che producono formaggi. Questo inscindibile legame tra cibo, divinità e narrazione mitologica ha aiutato i siciliani a recuperare le proprie radici e a circoscrivere lo spazio in cui l’uomo ha acquisito la sua esperienza. Mito e cultura pagana “alimentano” ancora l’immaginario dell’isola e fanno da collante tra leggende e tradizioni, sacre o profane che aiutano a dare significato e valore agli elementi della natura e al quotidiano alimentare dei siciliani. L’incontro è realizzato in collaborazione con l’Associazione "La palma e l’ulivo" di cui Sergio Grasso fa parte.
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 14/01/2021 alle  21:06:50, nella sezione EVENTI,  347 letture)





















Avrà luogo Venerdì 15 gennaio 2021 alle ore 18 - in diretta dalla pagina Facebook del Partito Radicale un webinar, (seminario interattivo tenuto su internet) per celebrare la data di nascita di Martin Luther King jr e proseguire l’azione a favore del progetto di risoluzione del Diritto alla Conoscenza introdotto in Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa (APCE). L’iniziativa ha ricevuto il sostegno del Siracusa International Institute, oltre che del Global Committee for the Rule of Law, la fondazione Luigi Einaudi, Nessuno Tocchi Caino – Spes contra Spem e la Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale (SIOI). L’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa aveva deciso nell’ottobre 2019 di discutere entro la fine del 2020 un progetto di risoluzione – di cui il Senatore Roberto Rampi è Relatore generale – sul diritto universale alla conoscenza. Risoluzione che sarà verosimilmente adottata tra maggio e luglio 2021. Proprio in vista di tale risoluzione, aveva avuto luogo lo scorso 3 dicembre, un’apposita audizione di esperti presso la Commissione Cultura, Scienza, Istruzione e Mezzi di Informazione della stessa Assemblea Parlamentare. Interverranno al webinar numerosi relatori tra cui l’avvocato Ezechia Paolo Reale, Segretario Generale del Siracusa International Institute, il professor Gaetano Armao, Vicepresidente della Regione Siciliana e il Senatore Roberto Rampi, Relatore Generale sul progetto di risoluzione presso l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa.
 
di Redazione (pubblicato il 08/12/2020 alle  12:07:53, nella sezione LIBRI,  626 letture)
C'è un libro, appena uscito per le edizioni Algra di Alfio Grasso, che riesce a compiere una vera e propria metamorfosi alchemica: quella di trasformare una Sicilia, tradizionalmente tutta sole, mare e vividi colori mediterranei, in un luogo traboccante, sotto l'algida scorza, di diavoli, misteri, streghe e relativi diabolici eventi sanguinosi. Si tratta dell'antologia "L'isola delle tenebre - Storie siciliane dell'orrore" curata da Luca RaimondiGiuseppe Maresca, scrittori e sodali da sempre, curatori del blog "Il gorgo nero" (il blog della cultura horror italiana), che hanno ancora una volta messo insieme 16 autorevoli scrittori attorno al succulento desco della migliore narrativa horror. Esperimento già precedentemente riuscito con "24 a mezzanotte - Storie italiane dell'orrore" edito da Officina Milena. La Sicilia è la più grande isola del Mediterraneo, ricca di storia, bellezze, sole e profumi. Ma è anche una terra ricca di leggende e racconti che travalicano i confini della realtà. Luoghi misteriosi, apparizioni e fatti inspiegabili, castelli abitati dai fantasmi, atroci fatti di sangue, stregonerie. La notte nelle strade delle città e dei paesi siciliani si respira un'aria densa di mistero e fascino. Come densi di mistero e fascino sono i racconti di questo libro, che cercano di esplorare gli aspetti più inquietanti delle provincie siciliane, restituendo al lettore tutto il campionario di suggestioni e di emozioni che i sedici autori sono capaci di trasmettere. Stefano Amato, Corrado Artale, Roberto Azzara, Federico D'Amore, Piergiorgio Di Cara, Antonino Genovese, Eleonora Lombardo, Giovanni Marchese, Giuseppe Maresca, Roberto Mistretta, Luciano Modica, Giuseppina Norcia, Angelo Orlando Meloni, Luca Raimondi, Giusy Sciacca, Salvo Zappulla, questi i nomi dei magnifici sedici dell'Isola delle Tenebre.
 
di Redazione (pubblicato il 11/11/2020 alle  19:06:18, nella sezione LIBRI,  341 letture)
Può apparire singolare un'opera poetica prodotta in tempi di Covid-19. Eppure, scandagliando bene, un legame tra la poesia e la pandemia può esistere per davvero. Quest’ultima, come sappiamo, ha alterato di brutto il palinsesto della rappresentazione giornaliera degli umani, compreso quella del poeta che, nel periodo più buio dell’isolamento sociale, ha preso carta e penna dando sfogo alla sua passione per vincere la sfida alle paure di oggi e di domani, tra virus mortali e disastri ambientali, laddove tutte le nostre certezze paiono crollare, mentre si profila un futuro disastroso. Raimondo Raimondi sostiene però che è possibile fare poesia in tempo di terrore pandemico, nel periodo più buio dell'isolamento sociale, anzi pare lo sfogo naturale alla paura e alla solitudine, ma certamente non è per tutti. L'autore lo fa con sguardo contemporaneo, con un modo personale di sentire e di rappresentare, riportando all'interno della propria opera citazioni, allusioni, rimandi e contaminazioni. Giornalista pubblicista, si occupa di letteratura e di critica d'arte. Ha pubblicato numerosi libri di poesia, narrativa e saggistica. Tra le sue opere più recenti: "Un filo di luna" (Melino Nerella Editore, 2009), "L'undicesima" (Edizioni Il Foglio, 2014), il romanzo "La cattiveria del silenzio" (Edizioni Il Foglio, 2017) e le raccolte di poesie "Tempo di fughe" (A&A Edizioni, 2017), Rapsodia della Rinascita" (Edizioni Il Foglio, 2018) e "Ritratti del Tempo e della Beltà" (Edizioni Fondazione M, 2019). All'interno del volume disegni dell'autore e una prefazione firmata da Enzo Pinnone. In copertina un dipinto della pittrice vicentina Cristina Crestani. Dice il poeta: «Com’è silente Ortigia/senza i turisti infetti/e il vociare sguaiato/nelle bettole oscure/nelle viuzze strette/profanate da trolley…», malinconico si rivolge alla ristretta pattuglia dei suoi amici ortigiani, fiducioso che risorgerà l’isoletta bisognosa d’amore agli antichi splendori. La carrozzella su Via Picherali, mirabilmente disegnata dallo stesso arti-poeta, evoca le centinaia di carrozze ricolme di turisti di un secolo fa e, pur consapevole che il risorgere all’antico splendore sarà problematico, Raimondi, aggrappato a Ortigia come un naufrago alla zattera, non perde la speranza, speranza che in Pasqua 2020 ha un sapore «amarognolo e scuro/come una pinta di birra/o un po’ d’erba rollata/nel buio…» . L’amore, “una cosa meravigliosa”, sembra essere il fil rouge dell’intera raccolta, che si manifesta quasi ovunque, talvolta si rintana ma poi riappare in tutte le sue forme, reali e immaginarie, in ogni tempo della vita e pure in questo “tempo sospeso”.
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 10/10/2020 alle  09:20:14, nella sezione LIBRI,  411 letture)
Un romanzo visionario questo "Stupidistan" di Stefano Amato che racconta una realtà futuribile e grottesca nel contesto di una Sicilia che ha esasperato nel tempo ogni difetto della sua popolazione, portando la società insulare a estreme conseguenze e a una rovinosa inversione di valori. Segnali che purtroppo troviamo già in fieri nella nostra quotidianità, dove tutto pare davvero evolversi verso un maligno futuro di degrado e di cattiveria. Ma, partendo da questa visione terribile, Stefano Amato sviluppa una narrazione scorrevole e intrigante cui ci appassioniamo e ci fa sorridere con una miriade di trovate e di affabulazioni linguistiche esilaranti. Un racconto che diverte, quindi, una lettura piacevole, scorrevole, ma che vuole anche farci riflettere e lancia un monito a tutti noi: di fermarci in tempo, di cambiare il corso delle cose, di modificare un modo di vivere e di pensare che può portarci davvero a realizzare quel mondo assurdo, incredibile, perfido che l'autore prefigura in questo "teatro dell'assurdo" che è Stupidistan, territorio della fantasia terribile, dominato dalla grassa ignoranza, dove non si leggono libri né si bada all'ambiente, ma si vive appiccicati al proprio "foldblet ", sorta di tablet avvolgibile, dando la stura a vizi e crapulaggini varie. La storia poi si snoda verso un finale consolatorio, l'autore si sforza di regalarci un ottimismo al quale forse non crede, difatti dopo le vicende contorte e appassionanti, le ultime pagine scorrono velocemente e, malgrado il lieto fine riservato alla protagonista, la dog sitter Patty E. Basta, lasciano l'amaro in bocca. Il libro è edito da Marcos Y Marcos con cui Stefano Amato aveva già pubblicato "Bastaddi", cover letteraria siciliana in salsa mafiosa del film "Bastardi senza gloria" di Quentin Tarantino.
 

 851 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (256)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (120)
CRONACA (736)
CULTURA (203)
EDITORIALI (26)
EVENTI (363)
LIBRI (213)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021

Gli interventi più cliccati

< dicembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             


Titolo

 



Titolo

Le fotografie più cliccate


Titolo


28/11/2021 @ 21:39:39
script eseguito in 310 ms