\\ Home page : Articolo
UN MURALE PER SALVATORE ACCOLLA, ARTISTA ORTIGIANO
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 05/02/2022 alle  17:47:24, nella sezione ARTE,  450 letture)

























Un grande murale campeggia sulla parete di una casa in Ortigia, all'imbocco della Graziella, nei pressi del carcere borbonico: ritrae Salvatore Accolla e il suo cane Righel. E' un'opera di street art dell'artista brasiliano Marcos Gia Fernando che ha voluto commemorare il pittore ortigiano recentemente scomparso che tutti ricordano con affetto. Durante la sofferta esistenza di Salvatore Accolla abbiamo potuto assistere a uno di quegli eventi strordinari che si sono verificati ogni tanto nella storia dell'arte contemporanea: la scoperta e la condivisione di un artista, che d'improvviso, dai più celati vicoli di Ortigia esplose grazie a giornalisti, critici, mercanti d'arte e alla rappresentazione dei media nazionali, divenendo in un breve lasso di tempo un fenomeno degno di essere esposto nei templi istituzionali dell'arte. Salvatore Accolla è diventato, nell'immaginario di chi ne è venuto a contatto, un personaggio che ha operato nel fiabesco e idillico mondo di Ortigia, un pittore "bohemienne" che viveva alla giornata, ma che nell'arte pittorica aveva ritrovato una dimensione personale, una dignità espressiva, una valvola di sfogo per le sue innate capacità, contrappeso a un quoti¬diano incerto. L'arte per Accolla era la ragion d'essere, il significato-significante dell'umana esistenza, una luce nel buio della vita. E questa passione, questa assoluta unicità di vocazione, traspare tutta nelle sue tele riempite di getto, con pennellate ampie, vigorose, a volte pressoché mo¬nocromatiche, a volte invece capaci di cromatismi delicati ed audaci, rarefatte le forme ai limiti del figurativo, ai confini con l'espressionismo astratto. Una voce del sangue, quella pittura di Accolla, priva di fondamenta teoriche o di stratificazioni culturali, uno spontaneismo incanalato in una tecnica cromatica rapida ma di indubbio effetto. Spesso il pittore eseguiva velocemente le sue opere ma, allorché rallentava i suoi ritmi forsennati, appariva chiara una naturale capacità crea¬tiva e compositiva, insieme ad una inventiva cromatica che negli ultimi tempi veniva più correttamente eseguita e ancor più consapevolmente curata. Era un pittore spontaneo il nostro Salvatore, di sapore naive, affetto da una frenesia creativa che lo portava a dipingere quadri su quadri che un tempo smerciava sui marciapiedi di corso Matteotti ai tanti suoi estimatori che dimostrarono nel tempo di apprezzare la sua arte, la sua vena creativa a volte visionaria, a volte frutto di palpabili tormenti interiori. Questi appassionati hanno assorbito centinaia e centinaia di quadri che troviamo un po’ ovunque: negli uffici pubblici, nei ristoranti, nelle case private. Poi Accolla fece un passo in avanti esponendo le sue opere in varie gallerie d’arte nelle quali ancor più fu tangibile l’attrazione esercitata dai suoi colori e dalle strane forme dei suoi soggetti preferiti. Le sue tele, infatti, rimaste a futura memoria, raffigurano animali, barche, gatti, tetti, arlecchini e rivisitazioni personalissime di opere famose, un infinito caleidoscopio di figurazioni cromatiche, veramente tantissime opere che, comunque le si voglia giudicare, hanno tutte un denominatore comune, una personalissimo linguaggio che, già di per se, è un risultato difficile da raggiungere in campo artistico. La riconoscibilità immediata di un quadro di Accolla, la tipicità della sua tematica e della sua cromia, fa si che, anche quando il soggetto ritratto potrebbe essere giudicato apparentemente banale, l’opera riesce comunque ad assumere una grande valenza estetica. Le opere di Accolla furono presentate al pubblico qualche anno fa nei prestigiosi locali della Galleria Civica di Montevergini a Siracusa ma poi l'artista dovette attendere una appassionata d'arte del nord Daniela Rosi, responsabile Lao Art e docente di "Progettazione per la pittura" all'Accademia di Belle Arti di Verona, che, folgorata sulla via di Ortigia, definì il nostro un artista "fuori serie" organizzandogli a tamburo battente una mostra a Torino, presso il Polo delle Arti Relazionali e Irregolari a Palazzo Barolo, in tal modo arricchendo di un ulteriore importante tassello la sua carriera pittorica. Una parte della produzione di Accolla fu raccolta in un grosso, poderoso volume di 500 pagine che riguarda però soltanto le opere eseguite dal 2001 al 2004, la cosiddetta "Collezione Ortigia" nella quale troviamo campioni esemplari di tutta la vasta tematica del pittore naive. Nel dettaglio, anzitutto animali: cavalli scalpitanti e uccelli in volo a simboleggiare l'anelito verso la libertà, negata all'artista in tanti anni della sua vita tormentata, pazienti asini che tirano carretti e buoi delle campagne siciliane, e i gatti, tanti gatti, i gatti di Ortigia, solenni e sornioni, accanto a un bestiario esotico fatto di leoni, giaguari, elefanti, fascinazione che Salvatore Accolla, come Antonio Ligabue, pittore naive a lui così vicino per vicissitudini di vita e ispirazione pittorica, subiva per quella autorevolezza e insieme ferocia degli animali africani, liberi nelle savane. E poi le barche: panciute, a riposo sulle spiagge e nelle calette, le barche dei pescatori di Ortigia, e ancora composizioni dedicate alla figura del Cristo, testimonianza di una religiosità primitiva di Accolla, e tante tantissime nature morte e infiniti paesaggi, quadri in cui il riferimento a Giorgio Morandi nella coloristica e nelle forme appare evidente per quanto sicuramente spontanea e non voluta. E infine una serie di volti e ritratti che richiamano incredibilmente l'espressionismo tedesco di Otto Dix e di George Grosz. Ebbene c'è di tutto nella pittura di Accolla: tracce perfettamente amalgamate, digerite e rimesse a nuovo nell'abito poetico del pittore di strada, riflessi della memoria di un uomo non colto ma che ha saputo stratificare dentro di se, in modo inconscio, i colori e le tematiche di Matisse, Cezanne, Carrà, De Chirico, Modigliani e Morandi, di tutti quegli artisti che l'hanno preceduto e che hanno fatto della pittura una ricerca non solo estetica ma soprattutto esistenziale. Egli aveva forse un vantaggio su quegli artisti che hanno tentato di ridiventare bambini, quello di esserlo fondamentalmente a dispetto dell'età e delle offese della vita. E i bambini hanno questo potere: più sono ignoranti (nel senso di inconsapevoli delle loro virtù) e più ci forniscono "esempi ricchi di lezioni e si deve per quanto possibile preservarli da ogni corruzione" - come diceva Paul Klee nel suo diario. Ecco, probabilmente questa è una possibile chiave di lettura: la pittura come gioco, come espressione della parte infantile dell'animo umano, laddove, sfuggendo alla razionalità saggia dell'età adulta, la creatività incontra nelle praterie del cielo un mondo fantastico, fiabesco, incontaminato e seducente. Il regista Paolo Boriani effettuò con lui giorni e giorni di riprese per ricavarne un film. Il titolo del lungometraggio fu "Accolla e il cavallino rosso a Siracusa", ambientato in un'isola nell'isola, Ortigia, dov'era la casa di Salvatore Accolla che pareva la casa di Van Gogh, un film che raccontava la storia del pittore, che raccontava la follia. Cosa è follia e cosa non è follia ma genialità incompresa. Ora questo imponente murale di Marcos Gia Fernando, collocato nella Graziella, quartiere di quell'Ortigia che Accolla amava, consegna ai siracusani la memoria di questo artista, sfortunato per le vicissitudini della vita, ma fortunato per aver ricevuto il divino dono della creatività.

 35 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (261)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (120)
CRONACA (738)
CULTURA (203)
EDITORIALI (26)
EVENTI (367)
LIBRI (214)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022

Gli interventi pił cliccati

< giugno 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             


Titolo

 



Titolo

Le fotografie pił cliccate


Titolo


28/06/2022 @ 14:42:46
script eseguito in 232 ms